Ambrosiana Viaggi
Curiosità dal mondo

A Chefchaouen, in Marocco, ci si sente in un mondo dipinto di blu

di  | 
Sembra l’opera di un estroso artista contemporaneo che ha usato il cobalto e altre tonalità celesti per colorare case e strade. E invece si tratta di un delizioso villaggio in mezzo alle montagne tutto da scoprire

 

chefchaouen333
Che il Marocco sia un paese affascinate è cosa nota, ma che il suo fascino riservi anche inattese sorprese non è così evidente. Una di queste è la città di Chefchaouen, sulle alture delle montagne del Rif, a un’ora e mezza di distanza da Tetuàn. La particolarità di questo luogo magico è quella di essere totalmente immersa nel blu, tanto da essere soprannominata La piccola città blu. Di primo acchito si ha l’impressione di essere in un villaggio di qualche isola greca, ma subito ci si rende conto di quanto siano diverse le atmosfere.

Chefchaouen
Ogni palazzo, ogni vicolo, ogni porta, ogni scalinata e ogni finestra sono dipinte di un blu che spazia tra le tonalità del cobalto, per passare attraverso l’oltremare, il celeste e l’azzurro. La leggenda dice che la scelta di questo colore sia stata fatta perché il blu è il colore che tiene lontane le mosche, ma pare invece che questa scelta cromatica sia stata determinata dal voler sostituire il colore verde, tipico dell’Islam negli Anni 30.

Chefchaouen3
Dimenticatevi il caos tipico di Marrakech o quello ittico di Essaouira: oltrepassare una delle cinque porte della medina di Chefchaouen significa immergersi in un’oasi di calma e tranquillità, evocata dal blu che ci circonda e che esprime serenità e pace. Percorrere le sue ripide strade a scale e perdersi tra i chioschi e le ceramiche colorate tipiche del luogo, vi trasporterà in un’altra dimensione, dove i tessuti e le tinture utilizzate per tingere la calce degli edifici sono a ogni angolo di strada.

chefchaouen2
E poi i profumi: quello delle concerie si fonde con quello delle spezie, del cibo e dell’aria pura, grazie alle colline che circondano questa splendida piccola città dove non potrete fare a meno di pensare a Domenico Modugno, e alla sua Nel blu dipinto di blu.

chefchaouen32

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *