Ambrosiana Viaggi
Viaggi del weekend

Nel Medioevo di Perinaldo, tra streghe, magia, sacro e profano

di  | 
L'antico borgo ligure, nell'entroterra di Ponente, ha una storia millenaria, con tanto di lotte, guerre e delitti che merita di essere ripercorsa con una visita di un giorno ai monumenti più significativi

 

Nell’entroterra del ponente ligure a 572 s.l.m. si erge Perinaldo, antico borgo medievale ricco di storia e di scienza ma anche di leggende tra magia ed esoterismo, sacro e profano. Sorto intorno all’anno 1000 col nome di “Podium Rainaldi” in onore di Rinaldo dei Conti di Ventimiglia a cui apparteneva e divenuta signoria ghibellina dei genovesi Doria, Perinaldo divenne teatro di accese lotte contro la signoria guelfa di Monaco e passò nel 1524 sotto il dominio dei Savoia.
La storia narra del fastoso matrimonio tra l’erede ghibellino e la bella figlia del casato monegasco, organizzato nel tentativo di porre fine alle ostilità tra le due fazioni. La pace tuttavia avrà vita breve: quando il Doria assassinerà il suocero monegasco riparerà presso i Savoia per sottrarsi alle ire guelfe. In cambio della protezione i Savoia otterranno la signoria.

perinaldo-vedutaQuesti sono gli anni in cui Perinaldo si arricchisce di arte barocca tuttora visibile nelle diverse chiese del paese ma sono anche gli anni della Santa Inquisizione, che manderà al rogo la giovane Perinetta Pizia, accusata di stregoneria. Si racconta che in questi luoghi vi fossero streghe e anche stregoni dediti alle pratiche alchemiche e che alcuni riti vengano ancora oggi segretamente praticati.

A Perinaldo spesso religione e scienza si mescolano insieme, ne è un esempio il Santuario della Visitazione, risalente al XVII secolo, che contiene al suo interno una delle più grandi meridiane esistenti. Infatti, attraverso un piccolo foro nel soffitto del santuario, la luce solare si proietta lungo una linea meridiana che attraversa tutta la chiesa per 20 metri e che rappresenta un milionesimo del meridiano che congiunge i due poli della terra. L’interesse per l’astronomia è antico: Perinaldo vanta tra i suoi figli più illustri Gian Domenico Cassini scopritore nel 1660 di quattro satelliti di Saturno , della divisione dei suoi anelli, della Grande Macchia Rossa e della rotazione differenziale dell’atmosfera di Giove. Imperdibile una visita all’Osservatorio astronomico con l’annesso museo dedicato al Cassini.radome_Turbie

Questo borgo è anche sinonimo di specialità gastronomiche: da segnalare il pregiato carciofo viola, presidio di Slow Food, l’ottimo vino e l’olio extra vergine di produzione artigianale. Gustatevi Perinaldo sotto ogni punto di vista: assaporatelo per la sua storia e le sue leggende ma anche per la scienza e per l’arte.
Lasciatevi trasportare attraverso gli antichi caruggi annusando nell’aria il profumo dei suoi misteri. Senza tralasciare il profumo del buon cibo, quello di una volta.sagra_carciofo_perinaldo_6mag2016_2

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *