Ambrosiana Viaggi
PER L'ANIMA

Nel Tempio Bianco thailandese, tra Buddha, Elvis e Superman

di  | 
Il Wat Rong Khun è un capolavoro architettonico senza uguali al mondo: la sua costruzione, cominciata nel 1997, finirà forse nel 2070, ma già ci si può immergere nel suo candore. Che nasconde incredibili sorprese, come le rappresentazioni di personaggi dello spettacolo e dei cartoon

 

white_temple_chiang_rai_thailand-959220.jpg!d
Chiunque sia stato o decida di andare in Thailandia sa che quanto la visita dei suoi templi sia imprescindibili. La cultura religiosa di questo Paese è infatti messa in evidenza grazie alle splendide costruzioni dedicate a venerarne il culto in cui un tripudio d’oro e colori fanno da da padroni. Per questo il Wat Rong Khun stupisce, sorprende ed è assolutamente particolare e unico nel suo genere. Situato a circa 15 chilometri dalla città di Chiang Rai, nel nord della Thailandia, questo tempio è più comunemente conosciuto come The White Temple. Progettato dal pittore visionario Chalermchai Kositpipat, la costruzione di questo tempio è iniziata nel 1997 e proprio come per la Sagrada Familia di Barcellona, non è ancora stata stabilita la data in cui la costruzione sarà ultimata, anche se si ipotizza che non accadrà prima del 2070!

temple_thailand_asia_travel_architecture_religion_buddhism_ancient-1286179.jpg!d
Ma quali sono la particolarità di questo tempio?

Il Wat Rong Khun è uno dei pochi luoghi di culto che è al contempo buddista e induista, ma soprattutto è l’unico tempio di tutta la Thailandia a essere totalmente privo di colore e proprio per questo motivo viene chiamato Il tempio bianco. Realizzato in gesso candido, il total white simboleggia la purezza del Buddha, mentre gli specchietti che riflettono la luce del sole, ne simbolizzano la saggezza. L’architettura è particolarmente carica e ricca di particolari dall’importante simbologia e incoraggia il visitatore a riflettere sugli insegnamenti buddhisti che indicano la via per fuggire dalle tentazioni, dai desideri e dall’avidità.

Wat_Rong_Khun_(White_Temple)_-_By_Chalermchai_Kositpipat_-_Chiang_Rai_-_Thailand_-_03_(35152189081)
Nella sua visione tutta personale, Kositpipat ha mantenuto alcuni elementi tipici dei templi del Nord della Thailandia, come il tetto a tre livelli, i Naga stilizzati e altre creature mitologiche, ma accanto a tutto ciò ha associato la sua particolare interpretazione artistica dando vita a questo luogo che non può che sorprendere sia noi, sia i thailandesi, spiazzati davanti a una tale opera.

white_temple_chiang_rai_thailand-959104.jpg!d

L’ ubosot, ovvero l’edificio principale del tempio, si raggiunge tramite un ponte che attraversa un piccolo lago e che simboleggia il passaggio dal mondo delle tentazioni al regno del Buddha e quindi alla liberazione, ovvero al Nirvana. Ad accogliervi all’inizio di questo percorso che rappresenta l’ingresso al Paradiso, l’artista Thai ha posizionato due inquietanti figure di terribili guardiani che decidono sul destino degli uomini.

Wat Rong Khun 1

Conosciuto come il tempio più stravagante di tutto il regno della Thailandia, ha decisamente molti motivi per essere considerato tale, The White Temple è infatti un tripudio inusuali e macabri dettagli che ne costellano ogni angolo e che vengono messi in risalto dal riflesso delle migliaia di specchietti che rendono ancor più splendente il bianco candido del gesso utilizzato nella sua costruzione. Tra questi, proprio a lato del ponte d’ingresso, si viene accolti da due aree laterali con centinaia di mani protese, tanto originale quanto inquietante, che da un lato rappresentano la sofferenza umana e dall’altra simbolizzano la bramosia.

Wat_Rong_Khun_pit_of_hell
Ma le stranezze non finiscono qui, perché varcata la soglia del Tempio bianco, (all’interno è vietato fotografare), lo spettacolo è decisamente spiazzante e sorprendente: i tradizionali dipinti dei templi buddhisti vengono infatti sostituiti e arricchiti con delle rappresentazioni di scene apocalittiche del mondo moderno (inclusa quella delle Torri Gemelle) che hanno come protagonisti alcuni dei personaggi più famosi dei film e cartoni animati che mai ci saremmo aspettati di trovare in un tale contesto: Spiderman, Superman, Kung Fu Panda, Neo di Matrix, Elvis Presley e persino Michael Jackson.

church_11

white_temple_chiang_rai_thailand_asia-959060.jpg!d

white_temple_chiang_rai_thailand_asia-959073.jpg!d
Info Utili

Wat_Rong_Khun2
L’ingresso al tempio è gratuito ed è visitabile i tutti i giorni dalle 8 alle 18. Essendo situato a circa 15 km dal centro della città, il modo migliore per andarci è prendere il tuktuk, che con una tariffa tra i 250 e i 300 baht (tra i 6.50 e i 7.70 Euro) vi porta e vi riaccompagna in città. Contate circa 3 ore per la visita in cui potrete sbizzarrirvi a fotografare le innumerevoli figure presenti all’esterno del tempio e se potete, evitate di andarci durante il weekend e le feste nazionali per evitare la folla.

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *